Dummy Photobook

Fra pochi giorni 1 Stile ospiterà una fotografa eccellente, Silvia Camporesi, in tour italiano di presentazione del suo ultimo libro, Atlas Italiae. 1 Stile conferma con questo appuntamento prestigioso la sua vocazione alla didattica e la propensione ad ospitare fotografia contemporanea di qualità. Nella città di Festivaletteratura un libro così prezioso sarà sicuramente apprezzato da molti.

Sempre in tema di libri e di fotografia mi fa un enorme piacere proporre in galleria nei prossimi mesi il progetto di Luca Panaro Dummy Photobook, un corso per appassionati e fotografi che desiderano realizzare, con la guida di un esperto, il proprio libro d’artista. I lavori arricchiranno poi la mostra itinerante che dal 2015 è il palcoscenico del progetto. Luca Panaro non ha bisogno di presentazioni ché i suoi libri sulla fotografia lo precedono. Docente a Brera, abbina alla grande competenza un gusto raffinato che sa orientare gli allievi. Stiamo preparando la giusta atmosfera per poter sviluppare un percorso che all’individualità propria del momento creativo di ognuno abbini la ricchezza della condivisione con persone simili per passione eppure diverse per metodo e storia.

Sono solo sette i posti disponibili poiché un lavoro di squadra come questo richiede di fermarsi a lungo sul progetto di ognuno. Sarai dei nostri, ospite in questa location di charme che è 1 Stile?

2-9-23 maggio / 6-20 giugno ore 15-18 

DUMMY PHOTOBOOK

a cura del prof. Luca Panaro

IL WORKSHOP Dummy Photobook si rivolge agli autori che desiderano dare forma di libro a un portfolio fotografico preesistente. Compito del workshop è quello di fornire ai partecipanti un’ampia gamma di esempi fra photobook e libri d’artista che saranno d’ispirazione alla creazione del proprio Dummy, ovvero il menabò di un libro-opera. Durante il workshop ogni autore viene assistito nelle tante scelte necessarie alla realizzazione del prodotto editoriale (formato, stampa, copertina, testi…). Il workshop è riservato a gruppi di 7 persone e si svolge in 5 incontri di 3 ore ciascuno. Gli incontri si tengono ogni 2-3 settimane in modo da consentire ai partecipanti il giusto tempo di gestazione del progetto. La partecipazione al workshop Dummy Photobook comprende aggiornamenti su esposizioni, premi dedicati al libro fotografico e contatti con case editrici di settore. Ogni Dummy realizzato durante il workshop diviene parte integrante di una mostra itinerante che si svolgerà in occasione di festival e rassegne a tema.

COSTI E PRENOTAZIONI: Costo individuale 300 euro – Iscrizioni ad hg1stile@gmail.com | 339 5836540 Sig. Mara

LA MOSTRA DEI PHOTOBOOKS

Dummy Photobook è anche una mostra itinerante di tutti i libri prodotti in occasione del workshop:

14 giugno 2015 “Centrale Fotografia”, Rocca Malatestiana, Fano

27 giugno 2015 “Festival Fotografia Contemporanea”, Ex-convento di Santa Maria, Gonzaga

29 agosto 2015 “TriestePhotoFestival”, Fincantieri Wartsila, Trieste

6 febbraio 2016 “Galleria Ceribelli”, Bergamo

Luca Panaro è nato a Firenze nel 1975 ma vive da sempre a Carpi (Modena). Insegna “Storia della critica fotografica” all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano e “Iconografia fotografica” al Politecnico di Milano sede di Piacenza. Tra i suoi libri: L’occultamento dell’autore. La ricerca artistica di Franco Vaccari (2007), Tre strade per la fotografia (2011), Conversazioni sull’immagine (2013), Casualità e controllo. Fotografia, video e web (2014),Visite brevi (2015). Ha pubblicato su Enciclopedia Treccani XXI Secolo il saggio Realtà e finzione nell’arte contemporanea (2010) e co-curato i volumi Generazione critica (La fotografia in Italia dal Duemila, 2014 e La fotografia in Europa dopo le grandi scuole, 2015 e Ad hoc, 2016).

www.lucapanaro.net

Condividi: facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

ATLAS ITALIAE

19 marzo ore 17.30

presentazione del libro fotografico

ATLAS ITALIAE

di Silvia Camporesi

silvia camporesi, atlas italiaeSilvia Camporesi ha esplorato nell’arco di un anno e mezzo tutte le regioni italiane alla ricerca di paesi ed edifici abbandonati. Atlas Italiae (editore Peliti Associati) è il risultato di questa raccolta di immagini, una mappa ideale dell’Italia che sta svanendo. Il libro si presenta come una collezione poetica di luoghi, fondata sulla ricerca di frammenti di memoria.

Borghi disabitati da decenni che sembrano non esistere nemmeno sulle cartine geografiche, architetture fatiscenti divorate dalla vegetazione selvaggia, archeologie industriali preda dell’oblio, ex-colonie balneari decadenti che paiono imbalsamate nel tempo del “non più”. Nelle immagini dell’artista il velo dell’anonimato e del silenzio visivo si apre svelando l’anima di luoghi congelati nelle nebbie dell’amnesia generale. Qui lo sguardo di Silvia Camporesi va oltre la pura registrazione di uno stato della realtà, è indirizzato sia a cogliere la tensione silenziosa di un’Italia degli estremi sia a rivelare per la prima volta qualità liminari, inespresse, portatrici di un mistero e di un incanto.

L’autrice ne parla con Mara Pasetti.

Condividi: facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Autunno, stagione di formazione

Hai mai pensato di mostrare i tuoi scatti ad una persona esperta di fotografia? Qualcuno che cura mostre di settore, scopre talenti, partecipa come giurato alle selezioni degli artisti nei premi importanti!

Daniele De Luigi

Daniele De Luigi

Daniele De Luigi è questo e molto di più: intanto è una persona squisita, di grande garbo e sensibilità. Ha preso parte alla nascita di Giovane Fotografia Italiana ed è Curatore presso la Galleria Civica di Modena.

Nella giornata fissata per l’incontro con lui sono previsti due momenti distinti.

Al mattino verrà preso in esame il lavoro di alcuni artisti per individuare cosa fa la differenza nel loro lavoro, qualificandoli come bravi creativi nel campo della fotografia. Non vi sono formule da applicare e la tecnica è importante solo se supporta un’esperienza di ricerca.

de luigi, corsi 1 stile mantova, mara pasetti

De Luigi curatore di una mostra di Marta Primavera

Al pomeriggio si analizzerà il lavoro dei partecipanti,  guardando i portfolio ponendoli non tanto sotto la lente del giudizio quanto sotto quella della personalità che li ha espressi. E Daniele sarà lì a mettere tutta la sua esperienza in campo: accanto a voi!

Una lezione a 1 Stile

Una lezione a 1 Stile

Il seminario ‘Sulla fotografia’ avrà luogo il 17 ottobre presso la Home Gallery 1 Stile a Mantova.

INFO: www.1stile.com  m. 3395836540

Condividi: facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

La bellezza imperfetta

Ali, 2015

Ali, 2015

Per conoscere Antonella Gandini basterebbe varcare la porta della sua casa e del suo studio, che sono contigui, ma distinti. E poi osservarla con attenzione perché è una di quelle persone che sa parlare col corpo, con la gestualità, con lo sguardo.

“ I commensali”, 2015

“ I commensali”, 2015

Ma, si diceva, degli spazi in cui vive e lavora, apparentemente molto diversi: ricco di stratificazioni il primo ti accoglie con un’atmosfera ‘imperfetta’ e vera, ricca di calore e suggestioni; lo studio ti ‘indica la via’, ti comunica professionalità, ordine, luce, tanta luce per lavorare e per guardare.

“la prova del budino sta nel mangiarlo “2014

“la prova del budino sta nel mangiarlo “2014

Tutto attorno Antonella ha scelto di vivere a contatto visivo con la natura, perché da essa attinge costantemente senso. Sempre in bilico tra realtà ed immaginazione, ci attrae nel suo mondo di immagini e lo fa servendosi del suo lavoro di artista.

Antonella ricerca la bellezza, nella sua accezione di armonia, ma va oltre il ’realismo’ dell’immagine prodotta – sia essa dipinto, fotografia, installazione, grafica, video o altro- nella consapevolezza dell’imperfezione insita in ogni cosa. Ciò che le interessa è stimolare con le sue opere la nostra immaginazione per far si che ci comunichino emozioni. E allora di fronte all’immagine di un corpo che diviene paesaggio non sarà importante chiedermi cosa rappresenta, ma domandarmi ed ascoltare che cosa sto provando. La bellezza è negli occhi di chi guarda.

Se riusciamo a superare l’ansia di ‘riconoscere’, dare un nome a ciò che vediamo, accantoniamo il nostro bisogno di sicurezze per far posto all’emozione che solo l’ignoto, lo sconosciuto evoca.

La bellezza imperfetta, 2014

La bellezza imperfetta, 2014

Per la mostra “ La bellezza imperfetta “ l’artista propone oggetti e immagini che evocano le ritualità ad esse connesse, funzioni vitali come l’alimentazione e la sessualità. Nelle salette della home gallery 1 Stile ancora una volta si rinnova la ‘magia’ di ambientare le opere in uno spazio intimo e raccolto, luogo ideale per l’incontro con l’arte attraverso il dialogo con se stessi.

locandina

locandina

Condividi: facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Mela

Mela, frutto proibito, pomo della discordia, premio per la più bella, simbolo di città e tecnologia…La mia metà della mela che vado cercando dai tempi di Platone…

A New York nel 2012 Alessia De Montis si interroga e, senza ancora saperlo, prepara la mostra ‘To be apple or not to be apple’. Sono video, installazioni, fotografie utili a fissare una riflessione.

To be apple or not to be apple, Alessia De Montis, installazione

                                      To be apple or not to be apple, Alessia De Montis, installazione

Da un video che coglie l’attimo in cui le mele sono tagliate una dopo l’altra con un colpo secco d’accetta e rotolano, divise, un pezzo da una parte e uno dall’altra, prende forma una grande installazione costituita da 61 fotografie di vario formato, anche molto piccole. Sono i ferma-immagine del video: asettiche, chirurgiche, come lo fu il fulmine di Zeus a dividere in due persone distinte gli ermafroditi di plutoniana memoria. Foto in bianco e nero, coerentemente.

copyrights Alessia De Montis

              copyrights Alessia De Montis

Ma il progetto va oltre per far entrare in scena la manipolazione della creta: come il vasaio biblico (Geremia 18) l’artista crea una nuova mezza mela che ricongiunge a quella tagliata. Ed ecco l’apparenza di un’unità ricreata, apparenza si badi poiché il finale smaschera l’impossibilità di un atto tanto perfetto. Un ultimo video mostra la cottura delle due mezze mele, di creta e di polpa, smascherando l’inganno e…la realtà della vita.

copyrights Alessia De Montis

           copyrights Alessia De Montis

Presso 1 Stile la mostra della brava artista toscana sarà ospitata fino al 20 giugno.

Condividi: facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail